Grazie alle Super-memorie avremo cellulari con autonomie di mesi

Eric Pop ( a sinistra ) e il suo Team

Dalla University di Illinois , il professor Eric Pop ha spiegato i benefici delle nuove memorie così:

Penso che chiunque debba collegare un sacco di periferiche al caricabatteria tutte le sere desideri un cellulare o un notebook le cui batterie possano durare per settimane o mesi.

Difatti , il gruppo di ricercatori con a capo Pop, ha lavorato con memorie a cambiamento di fase (PCM, Phase-change memory), un’alternativa più veloce, ma con tensione più alta, alle memorie flash. PCM è attualmente reputata la tecnologia di memoria non volatile più promettente , visto i maggiori problemi di affidabilità delle memorie flash con lo scalare delle dimensioni della tecnologia.

“La memoria flash attualmente impiegata nei dispositivi mobile memorizza bit per la ricarica, che richiedono alte tensioni per la programmazione e sono relativamente lenti. Impiegando memorie a cambiamento di fase abbiamo abbassato i bit di ricarica di 100 volte rispetto alle memorie esistenti, concentrandoci sul fattore chiave della dimensione”.

Invece di usare fili metallici standard, il team ha usato nanotubi di carbonio , che sono 10.000 volte più piccoli di un capello umano. Durante lo studio, i ricercatori hanno collocato una piccola quantità di PCM in un vuoto ricavato all’interno di un nanotubo di carbonio. Sono stati poi in grado di passare dal bit “on” e il bit “off” facendo scorrere corrente attraverso il nanotubo.

“Il consumo di energia è sostanzialmente commisurato al volume di bit della memoria”, ha detto lo studente Feng Xiong, che ha lavorato allo sviluppo delle memorie. “Usando i contatti su scala nanometrica, siamo stati in grado di ottenere un consumo di energia molto più basso.”

 

 

Nanotubi di carbonio

About davide

Ho sempre voglia di conoscere le novità che il mercato offre. Android, iOS, Windows Phone sono sempre stati centro di interesse come evoluzione e sviluppo.

Comments are closed.

Il Bloggatore