Nei nuovi MacBook Pro non esisterebbe il difetto dei chipset Sandy Bridge SATA

Il sito tecnico Anandtech ha testato i chipset dei nuovi MacBook Pro di Apple e conferma che in essi  NON è presente il problema hardware che affligge i nuovi chipset Intel P67/H67.

Come già riportato tempo fà e su parecchi siti e blog, il produttore di processori Sandy Bridge ha dovuto fare nelle settimane passate i conti con una progettazione non corretta di alcuni chipset. La parte “incriminata” è essenzialmente un transistor all’interno del circuito che alimenta le porte Serial Ata che non dovrebbe essere attivo ma che, tuttavia riceve corrente. Su alcuni dei primi chipset prodotti quest’alimentazione non necessaria produce calore e – nel tempo – potrebbe portare a un deterioramento delle prestazioni delle periferiche collegate alle porte Sata. Apple (ma anche altri partner di Intel) ha ottenuto i chipset nuovi in tempi corretti e dunque i MacBook Pro di ultima generazione NON hanno il difetto riscontabile su alcuni portatili e sono utilizzabili tranquillamente con un ampio numero di periferiche senza mai incorrere nel problema descritto da Intel.

About davide

Ho sempre voglia di conoscere le novità che il mercato offre. Android, iOS, Windows Phone sono sempre stati centro di interesse come evoluzione e sviluppo.

Comments are closed.