In Francia è vietato pronunciare Facebook e Twitter in radio e tv

In Francia, in base ad una vecchia legge, esiste il divieto di pronunciare Facebbok o Twitter; intendiamoci, non è un divieto su i due più famosi Social Network, ma si tratta semplicemente di una sorta di parcondicio.

Infatti il divieto interessa maggiormente speaker tv o radio, pubblicità o quanto altro possa essere di uso pubblico atto a diffondere notizie o spot; a meno che non facciamo parte di un fatto importante di cronaca. Secondo un loro decreto infatti,

“si vieta espressamente la promozione di imprese commerciali all’interno di programmi che riportano notizie”.

In pratica, l’agenzia francese che si occupa di regolamentare le tv, Conseil Supérieur de l’Audiovisuel (CSA), ha emesso un comunicato nella quale si specifica che non si tratta di accanimento contro specifici siti e servizi Web, ma che il Governo Francese sta semplicemente promuovendo l’attuazione di una legge esistente e che, al mondo, esistono diversi social-network meno famosi dei due citati, dunque non è corretto continuare a fare pubblicità soltanto per Facebook e Twitter solo perchè i più usati. Tutto sommato la motivazione è abbastanza valida, in pratica si vuole spazio e voce anche ad altri social network, togliendo la possibilità di essere schiacciati solo perchè non si hanno risorse neccessarie ad essere famoso anche nel mondo mediatico. Lo stesso principio alla fine vale un pò per tutto e tutto sommato và bene per noi utenti e avere altre alternative o novità nel settore.

 

 

About davide

Ho sempre voglia di conoscere le novità che il mercato offre. Android, iOS, Windows Phone sono sempre stati centro di interesse come evoluzione e sviluppo.

Comments are closed.