Google diventa un OMV?Intanto in Spagna compare la sua prima sim (aggiornato)

Google operatore mobile virtuale; il titolo di un film? No, realtà. In Spagna è comparsa la prima SIM Google, spedita a i suoi ingegneri in Spagna accompagnata da un Nexus S.

Ma se Google non possiede ripetitori, cosa ne fà di una SIM, direte voi? Si appoggia su operatori del territorio diventando appunto un’operatore mobile virtuale, ovvero tramite le reti di altri operatori e i suoi ripetitori può dare vita a servizi come Google Voice.

Ma ora la domanda è: se già con il voip tipo Skype e altre applicazioni, l’hotspot e altri, gli operatori hanno reagito male, come reagiranno con Google che si appresta ad entrare nel campo della telefonia ora come operatore? Sicuramente si troverà un’accordo tra le società soddisfacente per tutti; quello che al momento e per ora è un test in Spagna, presto potrebbe diventare un fenomeno europeo, facendo comparire così tra le sigle degli operatori anche quella di Google, come quella di adesso per esempio che si identifica come rete Google ES.

Speriamo solo in due cose; che Google porti una ventata fresca nelle tariffe movimentando il mercato e che supporti anche la nostra cara rete italiana, che non è tanto tecnologicamente avanzata.

AGGIORNAMENTO: la stessa fonte conferma che la notizia è falsa e che non esiste nessuna sim di Google.

fonte: xatakandroid.com

About davide

Ho sempre voglia di conoscere le novità che il mercato offre. Android, iOS, Windows Phone sono sempre stati centro di interesse come evoluzione e sviluppo.

Comments are closed.