iMessage garantisce la privacy anche con la DEA.

A quanto pare anche i potenti mezzi della DEA (Drug Enforcement Administration) non sono riusciti a intercettare i messaggi inviati con iMessage, client di messaggistica della Apple. La DEA si è trovata in difficoltà durante delle indagini svolte con intercettazioni di messaggi, dove secondo un documento interno sarebbe stato impossibile intercettarli.

 

La crittografia utilizzata da iMessage sembrerebbe così resistere addirittura ai tentativi delle agenzie federali, le quali non sono riuscite a bucare il sistema.Ciò sarebbe venuto fuori a seguito di un’indagine condotta dalla DEA in California, dopo che il giudice aveva concesso l’autorizzazione per l’intercettazione dei messaggi inviati dall’ iPhone di un indagato.I messaggi forniti dall’operatore Verizon erano incompleti, in quanto mancavano tutti quelli inviati tramite il servizio iMessage. Secondo alcuni esperti, anche un’ipotetico accordo tra Apple e le agenzie investigative non permetterebbe facilmente una condivisione dei dati scambiati tra gli utenti in quanto il protocollo proprietario creato da Apple sembra esser stato studiato proprio per evitare simili intrusioni. Buone notizie quindi per la nostra privacy che ultimamente aveva ricevuto parecchie minaccie.

 

 

About davide

Ho sempre voglia di conoscere le novità che il mercato offre. Android, iOS, Windows Phone sono sempre stati centro di interesse come evoluzione e sviluppo.

One Response to “iMessage garantisce la privacy anche con la DEA.

Comments are closed.

Il Bloggatore