Waze, conteso da Facebook,Google e forse anche Apple per i dati che possiede.

Molti rumor girano intorno a Waze, il piu’ popolare navigatore satellitare on-line e che sfrutta il social network per potenziare le sue mappe. Bloomberg riporta che il gigante della ricerca Google potrebbe essere interessato e intervenire nelle possibili e chiaccherate trattative tra Waze e Facebook. La blogosfera tech informerebbe invece che Google non sia molto interessata a Waze, al contrario di Apple che sembrerebbe interessata secondo invece altre voci di corridoi del settore. Insomma, sembra un buon momento per il CEO di Waze Noam Bardin, che alla conferenza AllThingsD Dive Into Mobile svolta, dichiaro’ ben 44 milioni di utenti, quasi 1 miliardo di chilometri di strada aggiunta dagli stessi utenti e altrettanti dati riguardanti negozi, store o altre attività commerciali.

waze

Ed è proprio questo il motivi che spingerebbe Facebook ad essere disposta a pagare fino a 1 miliardo di dollari per acquistare Waze, la sua comunità e i dati con relativa tecnologia. Waze infatti è un’insieme di aziende che sviluppano modi intelligenti per convincere i consumatori a scambiare informazioni sulla loro ubicazione e schemi di movimento in cambio di informazioni utili come e dove ci sono gli ingorghi e quando si creano tra casa e ufficio, per esempio. Attraverso una connessione smartphone, Waze, con sede in Israele, può raccogliere informazioni su dove sia ogni membro della comunità, quanto velocemente quella persona è in movimento e la velocità rispetto agli altri utenti di Waze in movimento. In effetti Waze sfutta la segnalazione della velocità di ogni utente come dato allarmante, se un utente sulla nostra strada viaggia a 5 km all’ora, questo ci porta a cambiare direzione perchè si presume ci sia traffico nella zona. L’ idea alla base insomma su questa applicazione è che le aziende pagheranno per le informazioni che rende, per poi poter pianificare dove costruire poi i prossimi Mac Donalds, costruire alberghi o stazioni di servizio, come ad esempio in america la famosa catena di ristoranti Taco Bell, cliente pubblicitario di Waze e che la stessa applicazione avvisa gli utenti quando si trovano in prossimità di un Doritos Locos Taco. Insomma, sembra che Waze abbia indotto alcuni investitori a riconsiderare il valore del lavoro svolto di mappatura di alcune applicazioni a buon mercato rendendo obsolete i navigatori piu’ blasonati e costosi e a investire su app tipo Waze.

About davide

Ho sempre voglia di conoscere le novità che il mercato offre. Android, iOS, Windows Phone sono sempre stati centro di interesse come evoluzione e sviluppo.

Comments are closed.