Samsung presenta lo smartwacth Simband e la piattaforma cloud SAMI,per la nostra salute

Samsung è al momento la prima azienda che mostra un interesse reale per i dispositivi mobili indossabili, dimostrandolo con il suo smartwacth arrivato ormai alla seconda generazione e in sviluppo con la terza, ma ora estende anche il concetto di controllo salute grazie a questo dispositivo, così come la strada presa dalla casa di Cupertino con la sua prossima app in arrivo con iOS 8.

simband

Samsung infatti punta su qualcosa di piu’ avanzato, rispetto a gli attuali dispositivi in grado di farlo, con sensori di fascia alta e in grado di essere parte di un sistema ancora più completo per la registrazione di dati sanitari. Il nome di questo “orologio” futuristico è Simband, dispositivo che Samsung ha rivelato ma che non è necessariamente un prodotto che stà per vendere; infatti per ora è più simile a un prototipo e potrebbe servire come modello da utilizzare come esempio di sviluppo.

simband_samsung3

Simband contiene un certo numero di sensori indipendenti e ci potrebbe anche essere la possibilità di personalizzazione da parte dell’utente. Il cardiofrequenzimetro (come già presente nel Gear) non si limita al battito cardiaco, ma si estende anche alla pressione sanguigna e altri dati tracciabili. Ma tutti questi dati saranno raccolti in una piattaforma pensata appositamente da Samsung, una piattaforma cloud chiamata SAMI in grado di raccogliere tutti questi dati e metterli a disposizione per analisi dirette e ricevute da applicazioni o medici professionisti. Le API per lo sviluppo delle app indirizzate a SAMI dovrebbero essere disponibili in pochi mesi, dando agli sviluppatori la possibilità di una lavorazione software sulla piattaforma.

 

About davide

Ho sempre voglia di conoscere le novità che il mercato offre. Android, iOS, Windows Phone sono sempre stati centro di interesse come evoluzione e sviluppo.

Comments are closed.

Il Bloggatore