Samsung Pay non sarà permesso su i Galaxy S6 e S6 Edge con permessi di root.

Samsung crede nella sicurezza dei suoi dispositivi, ma soprattutto nella sicurezza delle sue applicazioni come Samsung Pay, un sistema di pagamento della casa coreana interfacciabile con qualsiasi sistema. Ma questo lo fa ad una condizione veramente pesante; i nuovi Galaxy S6 e S6 Edge non devono avere i permessi di root.

Samsung_Pay

Questo perché aprendo i propri permessi di root, si potrebbe violare l’integrità del dispositivo e, di conseguenza, anche della sicurezza del sistema di pagamento. Avere i permessi di root significa sbloccare il dispositivo e ottenere così di sbloccare fino in fondo le funzioni di android, ma a discapito del firmware della casa produttrice, in questo caso di Tuochwiz.
Il nuovo sistema di pagamento messo a punto da Samsung sfrutta il sensore biometrico per garantire un elevato livello di sicurezza e consente di effettuare pagamenti utilizzando la quasi totalità dei POS attualmente in circolazione. Infatti, oltre al supporto NFC, Samsung Pay è anche compatibile con la tecnologia MST (Magnetic Secure Transmission) acquisita da LoopPay che consente di effettuare pagamenti su qualsiasi POS dotato di banda magnetica, attualmente molto diffusi negli Stati Uniti e in Europa. Questa tecnologia è in grado di generare un campo magnetico semplicemente avvicinando il device al POS. Tutto questo quindi richiede molta sicurezza, una sicurezza che si paga con la personalizzazione e il pieno comando del proprio dispositivo, ma alla fine il prezzo non è poi così caro, se si considera i passi da giganti che Samsung stà facendo anche nella sua personalizzazione.

Samsung Pay farà il suo debutto negli Stati Uniti e Corea nel corso del 2015, successivamente verrà esteso anche ad altre nazioni.

About davide

Ho sempre voglia di conoscere le novità che il mercato offre. Android, iOS, Windows Phone sono sempre stati centro di interesse come evoluzione e sviluppo.

Comments are closed.