Jailbreak untethered redsn0w per iOS 5.0.1 per Mac e Windows

Attenzione; questo jailbreak funziona con tutti i dispositivi con iOS 5 tranne l’ iPhone 4S e l’iPad 2 che come ben sapete adottano il nuovo chip A5. Qualora aveste già sbloccato l’ iPhone con ultrasn0w o con una GeveySim, vi conviene aggiornare il dispositivo nuovamente con un firmware ( o IPSW ) modificato, dopodiché potete utilizzare redsn0w per il jail. Fondamentale il dispositivo aggiornato al firmware 5.0.1

Passo successivo è scaricare redsn0w per il vostro pc:
redsn0w per Mac
redsn0w per Windows

Ora passiamo al vero e proprio jailbreak del dispositivo.
1.    Collegare il dispositivo al computer
2.    Avviate il vostro redsn0w e cliccate poi sul bottone Jailbreak  e poi su NEXT. Redsn0w comincerà a mostrarvi le varie fasi per mettere in DFU il dispositivo connesso; qualora il dispositivo lo fosse già, redsn0w passerà direttamente all’ exploiting.
3.    Ora aspettate che redsn0w termini le modifiche preliminari per il Jailbreak, dopodiché vi comparirà la schermata qui sotto; selezionare l’ opzione da applicare in base alle vostre esigenze


4.    Selezionata e spuntata la o le scelte opzionate e cliccato su NEXT, redsn0w effettuerà il caricamento della ramdisk sul dispositivo e si comincerà con il vero e proprio processo di modifica. Terminato il processo, vi troverete Cydia già installato sul vostro dispositivo.

NOTE:
–    Se avete un dispositivo già jailbrekkato ma tethered, vi consiglio di scaricare tramite Cydia il pacchetto chiamato Corona, che lo volge in jailbreak untethered tramite la modifica di alcuni pacchetti.

* Le Guide sono segnalate a scopo puramente informativo e per fini sperimentali. Mondocellulare.Net non incoraggia nè incentiva queste operazioni, in quanto illegali e che provocano l’annullamento automatico della garanzia sul prodotto. Qualsiasi danno diretto o indiretto causato dall’uso proprio o improprio delle informazioni relative alle guide, in ogni sua forma, non è imputabile a Mondocellulare.Net. Procedete a vostro rischio e pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *