Cisco e Messagenet: accordo tra microsoft e Skype da rivedere

Che le grandi aziende dell’informatica e telefonia mobile si interessino sempre di piu’ alle tecnologie Voip lo si vede da sempre, soprattutto per l’accessibilità, risparmio e flessibilità che offre.

L’ultima dimostrazione infatti è stata la tanto acclamata acquisizione di Skype da parte di Microsoft, una delle operazioni piu’ grandi e costose attuate dalla Microsoft. Ma su questa acquisizione ora si è addensata un’ombra, l’ombra della Cisco System che ha fatto domanda alle autorità competenti di rivedere i termini attuati per tale accordo. La Cisco infatti denuncia il fatto che questa potrebbe portare un monopolio del settore, togliendo quella che fino ad ora Microsoft ha rifiutato;  l’operabilità su piattaforme varie per poi fornire maggiore apertura del sistema a servizi esterni. Attualmente infatti Skype utilizza un protocollo proprietario non compatibile con altre società nel settore, escludendo quest’ultime dal circuito di comunicazione. Già infatti avevamo visto anche la società Messagenet  a fare richiesta di rivalutazione di tale accordo alle autorità competenti, attualmente impegnata anch’essa sul fronte della comunicazione voip e con ottimi risultati. Ora entrambe le società, la Cisco System e Messagenet si sono rivolte all’ Unione Europea per fare ricorso all’acquisizione, mettendo bene in chiaro che la diatriba non è tanto sull’acquisizione stessa, ma sul rivedere i termini di accordo tra le due società aprendo appunto tale operabilità del sistema verso terzi, evitando così esclusioni a priori.

Comments are closed.